Translate

sabato 27 maggio 2017

Per te 💓



Insieme cammineremo verso l'eterno.
Con la mia mano nella tua non rischieró mai di cadere ne tantomeno permetterò a te di andare giù, a costo di essere trascinata dall'oblio per tenerti a galla.
Non posso impedirti di fare gli errori che hai bisogno di fare per una tua crescita personale ma sicuramente puoi stare certa che sarò lì, al tuo fianco, ogni volta che avrai bisogno di me, com'è già successo e come succederà.
E quando starai bene io sarò in quell'angolo del tuo cuore ad osservare ogni minimo dettaglio per far sì che nessuno tenti di oscurare la luce che custodisci e che, talvolta, mostri al mondo facendolo brillare di te.
Ci saranno discussioni, eccome se ci saranno.
Probabilmente ci arrabbieremo e tireremo dispettosamente le catene che ci legano in modo brusco ed inadeguato al rapporto che ci contraddistingue.
Ma sai cosa c'è, cara sorella mia?
Che quelle catene sono, però, indistruttibili e niente e nessuno potrà mai spezzare quel legame che è insito nei nostri cuori.
Il firmamento parla di noi già da prima che avessimo la consapevolezza di essere umani e che mettessimo piede su questa Terra.
Probabilmente resterai sorpresa di questa mia dedica, burbera e distante come sono, ma sentivo oggi la necessità di mostrarti il bene che ti voglio in modo differente, continuando a piantare ogni giorno, intorno al tuo essere, quei semi di pace che hanno il compito di tutelarti da quel cattivo mondo esterno.
Continua a brillare riscaldando i miei occhi felici, sorella mia; io sarò per sempre qui, seguendo le orme che imprimi sulla Terra al tuo passaggio e non permettendo a nessuno di occupare questo percorso o ingannare il mio occhio pieno di te con orme fasulle, facendomi perdere la giusta direzione.
Ti voglio bene sorellina,
Jennifer

giovedì 25 maggio 2017

Dove eravamo rimasti?



Salve a tutti!
Quanto tempo è passato dal mio ultimo post.
Forse qualcuno si sarà reso conto della mia temporanea inattività... o forse no.
Ho deciso di prendermi un momento di pausa in un periodo particolarmente incalzante della mia vita.
Ho messo in congelatore tutto il mio mondo per riprendere fiato; mi ero persa quindi ho deciso di fermarmi, meditare e cercare dentro me quella Jennifer della quale piano piano, a causa di molteplici situazioni, avevo perso le tracce.
Si era nascosta impaurita ed aveva deciso di non uscire più alla luce del Sole quasi in maniera inconsapevole e lasciava trasparire all'esterno un guscio vuoto del quale non ero affatto felice.
Pensai allora di provare a recuperare la mia luce provando ad essere, per una volta, anch'io un po' egoista e determinata a prendermi nuovamente cura di me.
Sono scappata dal mondo, ho viaggiato a lungo e ho passato momenti di grande difficoltà.
Il percorso è stato più difficile del previsto, quasi più intricato del motivo della mia "fuga" dalla realtà ma, alla fine, sono riuscita a recuperare il mio essere ed ho ripreso in mano le redini della mia esistenza.
So bene che all'occhio altrui posso essere sembrata quasi instabile e menefreghista, una persona disinteressata agli altri che si era isolata dal mondo senza tenere nessun altro in considerazione; sono anche consapevole che, molte volte, i miei modi di fare possono essere non compresi pienamente tanto da apparire, talvolta, insensati.
L'unica sfaccettatura di me stessa che sento di condividere su queste pagine virtuali è che molte volte la sofferenza può trasmettere, all'animo che non conosce, questa sensazione.
Chiudo questo post con la promessa di scongelare il mio piccolo angolo virtuale dall'immobilità in cui l'avevo rinchiuso e lasciando un piccolo frammento del viaggio che mi ha visto protagonista.
A presto,
Jennifer